mer 16 dic | gratuito 15:00 - 18:00

Power Quality: cos’è, come si migliora e come si misura

n. 3 CFP (Crediti Formativi Professionali) SOLO agli Ingegneri iscritti all’Ordine degli Ingegneri di Modena e ai Periti Industriali iscritti all’albo
La registrazione è stata chiusa
Power Quality: cos’è, come si migliora e come si misura

quando e dove

16 dic 2020, 15:00 – 18:00
gratuito 15:00 - 18:00

Dettagli e informazioni

n. 3 CFP (Crediti Formativi Professionali) SOLO agli Ingegneri iscritti all’Ordine degli Ingegneri di Modena e ai Periti Industriali iscritti all’albo

Seminario gratuito Power Quality: cos’è, come si migliora e come si misura

Focus accademico sull’efficientamento energetico e sulle soluzioni tecnologiche per eliminare i disservizi

Mercoledì 16 dicembre ore 15.00

RELATORI: prof. Francesco Grasso e ing. Ernesto D'Antuono

Focus accademico sull’efficientamento energetico e sulle soluzioni tecnologiche per eliminare i disservizi Power Quality e Norma CEI 64-8 – durata intervento 120 minuti

Intro sul fabbisogno energetico e problematiche

Cos’è la Power Quality

Le cinque “qualità” dell’energia

Possibili conseguenze di una bassa Power Quality

Norma CEI 64-8

Accenno soluzioni tecnologiche per migliorare la Power Quality

Smart Energy Lab

Incentivi e detrazioni

Relatore: Prof. Francesco Grasso ricercatore e professore aggregato all’Università di Firenze – Scuola d’Ingegneria - Presidente Nazionale UNAE

Soluzioni per migliorare la Power Quality e misurabilità dei benefici- durata intervento 60 minuti

Palleggiamento dell’energia tra la sorgente e i carichi nei regimi distorti a peggioramento della Power Quality

Pro/contro utilizzo di filtri presenti sul mercato (attivi/passivi e in serie/parallelo)

Misurabilità del risparmio con utilizzo di dispositivi per l’efficienza e il risparmio energetico presenti sul mercato

La tecnologia E-Power con casi studio

Relatore: Ing. Ernesto D’Antuono

Obiettivi formativi: i docenti muoveranno dal quadro normativo e dall’importanza della Power Quality per le reti elettriche delle imprese, per proporre soluzioni adeguate al miglioramento dell’efficienza energetica. Verranno analizzate le più comuni e diffuse problematiche come le microinterruzioni, i flickers, le distorsioni armoniche e l’involuzione della forma d’onda di corrente, causata dai carichi non lineari di nuova generazione, ossia i carichi gestiti da elettronica di potenza.  Quindi i docenti presenteranno suggerimenti per analizzare e meglio comprendere certi fenomeni e creare consapevolezza sulle contromisure da adottare.  Anche gli aspetti legati alla riduzione dei guasti anomali degli utilizzatori verranno presi debitamente in considerazione.

condividi