e-learning Formazione A Distanza ASINCRONA | h25fad.it

PER RIVEDERE Design positivo del 21 aprile

modalità e-learning (Formazione A Distanza ASINCRONA)
PER RIVEDERE Design positivo del 21 aprile

quando e dove

e-learning Formazione A Distanza ASINCRONA
h25fad.it

Dettagli e informazioni

Obiettivi del seminario: la progettazione può e probabilmente deve suscitare desideri ed emozioni. Con questo seminario, la docente, professore a contratto al Politecnico di Milano, si pone l’obiettivo di fornire ai discenti alcuni strumenti cognitivi necessari per dare forma ai desideri, e suscitare emozioni con la progettazione. Per farlo, in primis darà un significato all’affermazione: “ridare la priorità ai sensi”. Nella seconda parte del seminario verrà presentata la fruizione dello spazio come godimento di un bene e il modo in cui l’individuo organizzi la realtà in cui vive, per concludere, presentando le certificazioni LEED e WELL.

PROGRAMMA n.3 ore

La progettazione come strumento per formare desideri e suscitare emozioni

Affinamento dei sensi

- Dare forma ai desideri e suscitare emozioni significa ridare priorità ai sensi, dilatando il campo d’azione a quello percettivo, restituendogli il giusto valore.

- Vista, Olfatto, Tatto, Udito, Gusto diventano “strumenti” in grado di dare nuovi significati alla progettazione

Valori di progetto

- Coraggio, dignità, correttezza, collaborazione, empatia, etica, morale, professionalità, competenza, esperienza modellano un progetto e dunque un prodotto rendendolo completo

Sviluppo delle emozioni

- Il design emozionale insegue la ricerca della progettazione emozionale di un prodotto, che a sua volta genera un’emozione nell’utilizzatore: sorpresa, felicità, gioia, divertimento

La ricerca come strumento di indagine dimostrativa: applicazioni e sviluppi futuri

Gli strumenti della ricerca: intervista e osservazione

- Esempi di interviste e osservazioni applicate al design: gli effetti sulla felicità e sulla creatività

Il design rende felici?

Quali sono le aspettative del buon design?

- Esiste un “buon design” che non necessariamente, o comunque non esclusivamente, implica bellezza

- Cosa si intende per “buon design”?

La fruizione dello spazio

La fruizione dello spazio come il godimento di un bene e il modo in cui l’individuo organizza la realtà in cui vive

- Ruolo del progettista: pianificazione della realtà orientata allo stare bene in tutti i “sensi”

- Adoperare uno spazio in modo “positivo”

Il design come strumento per una migliore qualità psicofisica della persona

Design e affordance

- Cambia lo scopo: progettare per emozionare

Design ed esperienza

- Cambia il modo: user experience

La ricerca del benessere nello stile di vita quotidiano

- Le certificazioni LEED e WELL

- Certificazioni LEED: caratteristiche prestazionali dell’edificio

- Certificazioni WELL: il benessere degli utenti

Relatore unico: arch. Laura Galloni professore incaricato Politecnico di Milano

condividi